Lingue Straniere

Il Metodo Tomatis si è rivelato molto efficace per l’apprendimento delle lingue straniere, poiché per padroneggiarne perfettamente la pronuncia ed il ritmo è indispensabile saper analizzare i suoni, sintonizzandosi sulle frequenze proprie di ogni lingua.
In ogni parte del mondo e in ogni paese, a seconda dell’impedenza dell’aria, cambia il modo di ascoltare. Nel tempo la morfologia dell’ambiente ha plasmato le lingue, donando a ciascuna di esse le caratteristiche specifiche a cui l’orecchio deve adattarsi.

Come è evidenziato dallo specchietto, ogni lingua presenta delle caratteristiche frequenziali particolari.

Grazie al training audio-psico-fonologico si può accelerare l’acquisizione di una lingua straniera, integrandone la struttura profonda e collocando il proprio ascolto nella dimensione frequenziale della lingua da studiare. Gli esercizi pratici consistono nella ripetizione di parole e frasi, captate da un microfono, elaborate dall’Orecchio Elettronico e restituite in tempo reale in cuffia. L’apparecchiatura viene programmata sulle frequenze, sulla latenza e sulla precessione della lingua scelta, in modo da riprodurre nel soggetto le controreazioni dell’ascolto sulla voce.

Il percorso di stimolazione uditiva consente all’orecchio di decodificare gradualmente i suoni, migliorandone la pronuncia e riproducendoli senza distorsioni. In questo modo viene istantaneamente e inconsapevolmente imposto l’atteggiamento posturale, articolatorio e psicologico della lingua scelta, facilitandone così l’apprendimento.